Modi e mezzi per comunicare - Respiro libero Italia

Respiro libero Italia
Respiro libero Italia
Logout
Logout
Respiro libero Italia
Logout
Respiro libero Italia
Logout
Vai ai contenuti

Modi e mezzi per comunicare

Perchè procurarsi una radio-CB ?
Oggi abbiamo un'infinità di mezzi per comunicare, dal buon 'vecchio' e caro telefono fino ai sempre più articolati socials, Facebook, Whatsapp, Telegram.. e questo solo per citarne 'pochissimi'. Ce ne sono davvero un infinità, così tanti che sono ormai diventati quasi troppi, specie per chi non è poi così avvezzo alla tecnologia (vedi persone anziane, alle quali va tutto il nostro massimo rispetto). Così, alla fine della fiera, molti preferiscono ancora affidarsi solo al 'tradizionale' telefono. Tradizionale poi per modo di dire, perchè anch'esso si è ormai trasformato in una sorta di 'computer'.
Voglio evidenziare però che seppur nella vita quotidiana ce ne dimentichiamo (o per lo meno lo diamo per scontato), TUTTO è affidato alla cara (in tutti i sensi!) energia elettrica. "Ma questo è ovvio!" (mi dirai) ..sì ok, ma proprio per questo, non ci soffermiamo quasi mai un attimo a pensare, che potremmo subire un black-out anche di vaste proporzioni, come ad es. quello che anni fa mise ko l'intera costa orientale degli Stati Uniti. Ed ecco che avremmo fuori uso non solo i soliti elettrodomestici di casa tipo lavatrice, caldaia, riscaldamento, acqua calda, etc.. ma anche la possibilità ad es. di ricaricare il nostro 'beneamato' cellulare, rimanendo così letteralmemte isolati dal 'resto del mondo'.
Gli odierni ponti radio di telefonia cellulare sono dotati di alimentazioni "autonome"; ovvero hanno dei gruppi di continuità, costituiti da batterie che operano "in tampone". In poche parole, rimangono in standby (in parcheggio) ma pronte ad entrare in azione qualora dovesse esserci un black-out della rete elettrica principale, garantendo così una continuità della rete telefonica. Ma... ATTENZIONE! ..in caso di blackout prolungato, anche le batterie andranno mano a mano ad esaurire la loro energia fino a scaricarsi del tutto, ed i ponti radio quindi cesseranno di funzionare! Potremo magari avere (perchè no?) il nostro cellulare ancora carico, ma sarà di fatto inutilizzabile data l'impossibilità di connettersi alle famose 'celle' (da qui il nome di cellulare) delle centrali di telefonia mobile ormai divenute inattive.
Ecco che avere una radio-CB installata SOPRATTUTTO in auto, con la nostra fida batteria della macchina ad autonomia pressochè illimitata (tenuta in costante carica tramite il motore), ci garantirà una totale indipendenza dalle varie anomalie delle comunicazioni tradizionali che potranno verificarsi! A breve più sotto inserirò alcuni LINKS utili per saperne di più, ma intanto ti dico in poche parole perchè affidarsi alla cara 'vecchia' Banda CB (che sta per Citizen Band, ovvero Banda Cittadina che opera sulle frequenze intorno ai 27 Mhz) e non ad esempio ai cosiddetti Walkie-Talkie portatili, o addirittura alle bande Radioamatoriali.

I Walkie-Talkie (che non necessitano di particolari permessi) hanno una 'portata' limitata a pochi chilometri
(circa 5-6 al massimo). Inoltre sono reperibili in confezioni da 2 unità ciascuna, obbligando perciò ad acquistarne più coppie per poter estendere il n° di persone con cui rimanere in contatto, sempre col vincolo di un raggio di azione davvero scarso.

Gli apparati radioamatoriali, (sulle cui frequenze ci si può mettere in contatto con altri radioamatori anche a lunghissima distanza), necessitano innanzitutto di un patentino ottenibile solo previo un esame di elettronica, radiotrasmissioni e quant'altro, abbastanza complesso e non alla portata di tutti (specie se neofiti in materia). Ma anche volendo sostenere l'esame che comporterebbe comunque dei mesi di studio, il successivo acquisto delle apparecchiature è senz'altro oneroso ed occorrono poi anche delle antenne molto particolari. Insomma non è questa la strada da percorrere, anche perchè i radioamatori, alla fine.., si limitano a scambiarsi qualche dato più o meno tecnico inerente al collegamento effettuato, e poco più.

La CB invece è un'altra cosa. Nacque (intorno alla fine degli anni '60, primi '70) proprio come Banda Cittadina, e data la potenza massima legale permessa che è tuttora di 5 Watt, i collegamenti avvengono per lo più in ambito locale. Ma questo non vuol dire che non si possano coprire distanze anche superiori ai 20/30 km, specie in spazi abbastanza aperti. Ma lo scopo 'principe' di questa banda dei 27 Mhz, è quella di ritrovarsi in collegamento con più CB nello stesso tempo e sullo stesso canale, parlando a turno, creando quella che viene chiamata in gergo "RUOTA". Il parlare uno alla volta mentre gli altri ascoltano, è dovuto al fatto che la trasmissione è mono-direzionale, cioè NON è come avviene al telefono dove si può palare contemporaneamente anche in entrambe le direzioni. Scambiare quindi anche due chiacchiere via radio, non per forza legate ad aspetti tecnici, ma anche parlando del più e del meno.

Il boom della CB ci fu negli anni '70 circa.. dopodichè con l'avanzare della tecnologia che è arrivata a portarci internet, fino ai cellulari, pian piano andò sempre più in calo... Da un paio d'anni circa però (come spesso accade anche in altri campi), c'è stato un ritorno a questa 'dimensione' amatoriale delle comunicazioni a distanza, e la Banda Cittadina sta 'riprendendo vita', grazie anche al fatto che è stata anche abrogata la seppur minima tassa di concessione governativa di 12 € circa all'anno ! :-))

Ultima cosa, ma non meno importante, l'attuale banda CB classica, quindi i cosiddetti "baracchini" (ovvero gli apparati radio-trasmittenti) implementano 40 canali (in AM, cioè in modulazione di ampiezza), ma anche altri 40 canali (stessa banda, ma in FM, cioè in modulazione di frequenza). Già dagli anni '70, il canale 9 fu 'battezzato' come Canale di Emergenza, ed al di là di tutto quanto detto fin qui.. VALE DAVVERO LA PENA di procurarsi un bel baracchino (nuovo od usato che sia), montare una bella antennina sull'auto, ed il gioco è fatto! I costi sono abbordabilissimi (nel nuovo, anche meno di un centinaio di € per il baracchino , e qualche decina di € per l'antenna).

Morale della favola quindi... ACCENDI IL BARACCHINO E TROVERAI SEMPRE QUALCUNO CON CUI METTERTI IN CONTATTO ! !  :-))
Avviso che nelle considerazoni finali del video (dal minuto 16:47) si parla di permessi e pagamento di una tassa governativa; questi NON sono più in vigore. La CB è stata liberalizzata in toto, poco dopo la data della pubblicazione di questo video, quindi quanto riportato da questo ragazzo nelle considerazioni finali non va più preso in considerazione. Per il resto, complimenti a questo Youtuber che spiega davvero bene ed in maniera semplice ed esaustiva, come approcciarsi a questo bellissimo 'mondo' della 27 Mhz! :-))
Torna ai contenuti